I 10 comandamenti su Twitter

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Buffer this page

twitter lawsTwitter è il social network del momento. Tutti ne parlano e tutti vogliono esserci… ADESSO!

Io ci sono da un paio di anni ma avrei voluto scoprirlo prima. Mi interessano molto gli aspetti di Twitter e dei social network in generale e cercare di capire il potenziale intrinseco di strumenti come questi, sia nella sfera personale che in quella professionale.

Se volete avvicinarvi al social network dell’uccellino blu (e non ci sono doppi sensi 😉 ) potete trovare su questo blog una introduzione a Twitter, alcune informazioni utili su Follow Friday, Link e Trending Topic e un post sulle buone maniere su Twitter.

 

Qualche giorno fa ho trovato un post interessante sulle 10 regole all’uso del social network. Adesso ve le voglio proporre come i 10 comandamenti di Twitter:

  1. Leggi i tweet
  2. Condividi e fai il ReTweet quando ti piace
  3. Interagisci con gli atri Twitter user
  4. Un semplice “grazie” può portarti lontano
  5. Sii imprevedibile. I tweet sorprendenti sono i migliori
  6. Cerca sempre follower interessanti
  7. I numeri non sono importanti, i tweet
  8. Usa raramente i messaggi privati (DM)
  9. Usa gli hashtag. Ti fanno trovare
  10. Raggruppa i follower in liste per aree di interesse. È uno strumento utile

 

E voi cosa ne pensate? Qual è la vostra esperienza con Twitter? Se avete altri comandamenti o consigli, lasciate un commento!

 

Fonte: “10 laws of using Twitter

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Buffer this page

Comments

comments

11 Comments

  1. Siamo d’accordo.
    Sembrano “regole” scontate ma, come molto lo è più spesso la buona educazione, non lo sono proprio per niente.

    E’ un bene rammentarle di tanto in tanto.

    Mi permetto solo di dire che il RT viene usato anche solo come semplice strumento di condivisione di un contenuto, anche uno di cui vogliamo solo fare denuncia; non è lo stesso uso che si fa dell’infestante “Like” di Facebook.

    Infatti, molti utenti -me incluso- specificano nella propria Bio di Twitter “RT ≠ endorsement”; un RT pertanto non supporta necessariamente una tesi (tweet) ma può semplicemente servire a diffonderne l’oscenità per una maggiore coscienza collettiva (forse!).

    • Nicola (Author)

      Commento molto interessante Bruno.
      Sotto questo punto di vista non avevo mai visto il RT. L’ho sempre considerato una sorta di “promozione” personale, ma sicuramente è vero, capita a volte di condividere con un RT qualcosa che non ci piace per diffondere il nostro dissenso.

      Grazie per l’osservazione 😉

  2. sara

    Ben detto Nicola, condivido le regole ed ammetto di seguire la maggior parte di esse. Credo che la migliore sia la 3° così come nella vita reale interagire è fondamentale per non essere dei semplici osservatori di ciò che succede ma per poter utilizzare un mezzo come twitter nel migliore dei modi.
    Come spesso accade però credo anche che l’istinto e quello che ci va di fare sia l’ispirazione migliore da seguire! 🙂

    • Nicola (Author)

      Sono d’accordo con te, anche io apprezzo il terzo “comandamento” numero 3. In un social network, soprattutto Twitter, è importante se non fondamentale l’interazione tra gli user. Lo scambio di idee e opinioni è la chiave di ogni conoscenza. Per questo è fondamentale anche il numero 7.

      Però apprezzo molto soprattutto il 4: Grazie Sara!!! 🙂

  3. Ciao Nicola! Adesso ti seguo su twitter 🙂
    Io non so mai bene cosa dire su twitter, mi sembra di essere banale, ma altri utenti sono davvero interessanti e lo usano bene, come un fumettista di Milano, #Titofaraci (giusto l’ash #?)
    Su Twitter, mi piace segnalare quello che altri dicono

    • Nicola (Author)

      Grazie Alessandro, anche io adesso ti seguo su Twitter. L’importante è usare questo strumento per capire le sue vere potenzialità, personali e professionali. Purtroppo ci sono tanti che sfruttano l’onda della popolarità dei VIP su Twitter per iscriversi, ma poi si fermano a pochi tweet o a non approfondire come funziona realmente. La prima fase di osservazione e condivisione dei tweet altrui è normale, ma poi è necessario “buttarsi” e partecipare 😉

  4. Daniela

    Sono su twitter da poco più di tre mesi. Pochissimo, in verità. Mi piace molto, ed inizio a capirlo grazie a post come questo, che trovo utilissimi, grazie ad alcuni dialoghi, sempre via tweet, sugli influencer o meno (Klout, kred e discussioni varie), e grazie all’osservazione di quello che fanno gli altri. Sto cercando di capirlo, ed intanto mi affeziono ai follower……ma no, non faccio male di sicuro!

    Trovo questi comandamenti indispensabili.
    Potrei aggiungere “Non farti trascinare da provocazioni”.

    • Nicola (Author)

      Grazie Daniela,
      mi fa sempre piacere ricevere un commento al blog e soprattutto questi come il tuo mi piacciono ancora di più.
      Anche io ho messo un po’ a conoscere e apprezzare Twitter, ma poi mi ha dato una gran soddisfazione soprattutto per trarre informazioni professionali e conoscere molte persone che sono speciali e molto più reali di quello che tanti “invidiosi” offline ci vogliono far credere.

      Infine sono d’accordo con te, spesso le provocazioni su Twitter non portano a niente di buono, ma credo che sia comunque uno social network democratico, dove tutti possono esprimere ciò che pensano in totale libertà e soprattutto nel buon senso 🙂

  5. Daniela

    Ok, è democratico… accettato (lasciamoli azzuffare…speriamo non si diano appuntamento fuori.. 😀 )

    Concordo sulle info professionali, e che ci si trova anche relax ed anche…. due chiacchere…sai, vengo fresca dal mondo di fuori, adoro chiaccherare.

    Gli invidiosi offline parlano senza conoscere, brutta cosa, ma lo fanno. Le persone sono persone nella vita come sui social, vanno capite, detestate, amate, incoraggiate esattamente come se fossero davanti a te.

    …poi mi dici che cos’ha il mio commento da piacerti (così…., per curiosità…., si impara da tutto nella vita)..poi non ti tedio più!

    • Nicola (Author)

      I tuttologi sono molto odiosi… tanto online quanto offline! 🙁

      Mi piace molto il commento perché oltre a fare i complimento, mi riconosco nelle tue parole quando dici che ti piace Twitter dopo solo 3 mesi di utilizzo e che trovi emozionante imparare dalla rete e che ti affezioni ai follower 🙂

Trackbacks for this post

  1. » Aiuto Social Media Marketing!

Leave a Reply

buzzoole code