I 7 miti dell’email marketing

I 7 miti dell’email marketing
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+3Share on LinkedIn7Pin on Pinterest0Share on Tumblr1Buffer this page

Facebook, Twitter, blog, article marketing, SEO, advertising e ancora tanti altri strumenti di comunicazione sociale e di marketing fanno ormai parte della nostra vita personale e professionale. Nonostante tutte queste alternative, gli esperti di social media marketing assicurano che lo strumento indiscusso per il business resta l’email.

L’email marketing è parte integrante di molte strategie aziendali per la promozione e la commercializzazione di prodotti e servizi. Rimando al post di Cinzia Di Martino, che introduce le basi fondamentali per impostare una strategia di email marketing vincente.

L’infografica di Alchemy Worx presenta i 7 miti e alcuni punti salienti delle campagne di email marketing:

  1. I consumatori sono sommersi da email da parte di brand: il 60% riceve almeno 6 email al giorno da parte di aziende.
  2. L’ora migliore per l’invio di una campagna è il giovedì alle ore 15: l’85% delle email ricevute vengono aperte 2 giorni dopo. Il 21% degli acquisti avviene entro 2 giorni dalla ricezione della mail, mentre il 32% degli acquisti fino a 2 settimane dopo.
  3. La mailing list deve essere ripulita dai contatti inattivi non prima dei 6 mesi: il 20% delle aperture annuali avvengono a opera di utenti che sono stati inattivi anche per 6 mesi.
  4. Non sono molti gli utenti che segnalano l’email come spam: meno di 1 utente su 2.000 ritiene spam una email ricevuta da un servizio a cui sia ovviamente iscritto.
  5. Gli invii multipli vengono ignorati: se l’azienda invia più email in un mese allora il numero di aperture diminuisce significativamente.
  6. L’apertura delle email aumenta se il campo oggetto è breve e sintetico, approssimativamente sotto i 60 caratteri
  7. Le email vengono più facilmente segnalate come spam in funzione del proprio oggetto: se il titolo non è attraente oppure è tralasciato, allora la mail non verrà letta e finirà nel cestino o, peggio ancora, nello spam.

 

Cosa ne pensi? Quali sono le tue strategie per ottenere il massimo dalle email?

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+3Share on LinkedIn7Pin on Pinterest0Share on Tumblr1Buffer this page

Comments

comments

Leave a Reply

buzzoole code